On Fillmore

2000
Chicago, IL, Usa

...è il caso di Glenn Kotche, batterista di uno dei gruppi faro del nuovo rock alternativo americano, i Wilco. Kotche diventa membro effettivo della band a partire dal disco Yankee Hotel Foxtrot, nel 2002, e accanto a questo impegno per così dire “primario” (almeno in termini di visibilità e di vil pecunia), fin da subito, accosta un fitto carnet di collaborazioni e di progetti solisti. Fra questi spicca senza il dubbio il duo denominato On Fillmore che Glenn Kotche ha fondato nel 2001 – prima della sua entrata nei Wilco dunque – con il contrabbassista Darin Gray (altro musicista mobile e onnivoro, già con i Brise-Glace, i Dazzling Killmen e spesso impegnato con Jim O’Rourke). Kotche e Gray si sono incontrati per la prima volta in occasione del festival Meltdown di Londra, edizione 2000, suonando a fianco di Jim O’Rourke. Da allora i due hanno inciso quattro dischi, fra cui la colonna sonora di un film del regista J. T. Petty. L’ultimo lavoro, Extended Vacation, è stato pubblicato nel 2009 dall’etichetta Dead Oceans, cinque anni dopo il precedente Sleep with Fishes. On Fillmore è un duo parecchio ispirato che ha trovato una sua precisa sonorità e un proprio ambito di competenza in una sorta di exotica anni ’60 di carattere però assai più ombroso e quasi decadente. Piacevolissima all’ascolto, notturna e sperimentale, ovattata ed esoterica, è una musica che vive del felice impasto di vibrafoni, glockenspiel e percussioni, ai quali si contrappuntano qua e là i suoni della natura o del mondo animale (Dede Sampaio, il percussionista jazz brasiliano, è ospite in alcuni brani, e con i suoi discreti ma incisivi interventi contribuisce non poco a creare ulteriore spaesamento e a sottolineare l“effetto giungla”). Bello. Decisamente bello. Un’esperienza sonora che ci catapulta in una dimensione d’ascolto lontana anni luce dal tumulto del quotidiano, ma che non manca, qua e là, di infrangere regole e compunzioni per liberare un’energia sotterranea di cui non l’avremmo sospettata capace.
Corrado Antonini

Phonometak Series #7
Phonometak Series #7
wal123
Phonometak Series 7
10inch LP
Gennaio, 2010
2 tracks
20 minuti

Artisti

2partiMOLLItremolanti 3tons 61 Winter's Hat A Short Apnea Agatha Almandino Quite Deluxe Anatrofobia Arrington De Dionyso Quartet Bachi da Pietra Bias! Black Engine Bologna Violenta Bron y Aur Bugo Bz Bz Ueu Cardosanto Claudio Rocchetti Dälek Damo Suzuki with Metak Network Damo Suzuki’s Network Dead Like Me Dogon Dune EAReNOW Eterea Postbong Band Fluorescent Pigs Four Gardens in One Fuzz Orchestra Gerda Germanotta Youth Gianni Gebbia Gianni Gebbia, Lukas Ligeti, Massimo Pupillo Gianni Mimmo & Xabier Iriondo Giovanni Succi Gli Ebrei HaveyousaidMakhno? Hell Demonio Hofame Hysm?Duo I Camillas Iceburn Il Lungo Addio Jasminshock Jealousy Party L'Enfance Rouge Larkin Grimm and Rosolina Mar Leg Leg Lukas Ligeti Lukas Ligeti & Joao Orecchia Madrigali Magri Makhno Maria Mesch Masche Massimo Pupillo Mats Gustafsson Mattia Coletti Meteor Microapocalypse Mir Miss Massive Snowflake MoE Mulu Old Time Relijun Oleo Strut On Fillmore One Dimensional Man Ovo Oxbow Paolo Angeli Paolo Cantù Permanent Fatal Error Plasma Expander Polvere Pupillo, Kazuhisa, Yoshigaki Quasiviri R.u.n.i. Rinunci a Satana? Rllrbll Rosolina Mar Satantango Scarnella Sedia Sinistri Sinistri & Xabier Iriondo Six Minute War Madness Squarcicatrici Starfuckers Surgical Beat Bros Talibam! Tangatamanu Taras Bul'ba Tasaday The Connie Capri Organ Chamber Orchestra The Hutchinson The Observatory The Pornography The Rambo The Shipwreck Bag Show Ultravixen Uncode Duello Uochi Toki Uomoman Uzrujan Various Artist Walter Prati & Evan Parker White Tornado X-Marillas X-Mary Xabier Iriondo Zu Zu & Xabier Iriondo [1] Kilo of Black Bondage